NAVIGA IL SITO
Home » Guide » Basi Investimento » Obbligazioni subordinate: cosa sono e perché sono rischiose

Obbligazioni subordinate: cosa sono e perché sono rischiose

I bond subordinati sono una speciale categoria di obbligazioni il cui rimborso – nel caso di problemi finanziari per l’emittente - avviene successivamente a quello dei creditori ordinari

di Mauro Introzzi

I bond subordinati sono sotto i riflettori, in questi giorni. La vicenda di Banca Marche, Banca Etruria, CariChieti e Cassa Ferrara, per cui Banca d’Italia ha avviato un programma di risoluzione per assicurarne la continuità dei servizi creditizi e finanziari offerti, ha fatto conoscere all’opinione pubblica le obbligazione subordinate e le loro caratteristiche. Purtroppo causa – nelle ultime vicende - di ingenti perdite per i loro possessori.
Lo ha evidenziato la stessa Banca d’Italia nella nota che ha accompagnato in amministrazione straordinaria le 4 banche:

L’attuazione del programma, attese le perdite rilevate, ha reso necessario procedere alla riduzione integrale delle riserve e del capitale rappresentato da azioni, nonché del valore nominale delle passività subordinate computabili nei fondi propri, con conseguente estinzione dei relativi diritti amministrativi e patrimoniali.

In altre parole azionisti e obbligazionisti subordinati hanno perso tutto. Ma se per gli azionisti – che per definizione partecipano al rischio di impresa – è intuitivo capire perché il loro investimento si sia dissolto, forse lo è meno per gli obbligazionisti subordinati visto che il termine “obbligazione” dovrebbe caratterizzare un asset finanziario meno rischioso di un titolo azionario. Ma in questo caso non è così.

INFOGRAFICA: La risoluzione delle crisi di Banca Marche, Popolare Etruria e Lazio, CariFerrara e CariChieti

obbligazioni_1OBBLIGAZIONI SUBORDINATE: COSA SONO

I bond subordinati sono una speciale categoria di obbligazioni il cui rimborso – nel caso di problemi finanziari per l’emittente - avviene successivamente a quello dei creditori ordinari. Non devono quindi essere considerati strumenti di debito tradizionali, ma la loro natura li rende più simili al capitale proprio. Sono emesse dalle aziende perché rappresentano spesso un'alternativa al più costoso collocamento di azioni.
Gli strumenti in oggetto staccano una cedola periodica ma non è detto abbiano una scadenza predefinita. In questo caso prevedono un’opzione di rimborso anticipato a favore dell’emittente, da esercitare a partire da una certa data.
Le obbligazioni subordinate sono spesso denominate “junior” per distinguerle da quelle non subordinate (o “senior”). Hanno una rischiosità maggiore, naturalmente incorporata nei rendimenti, rispetto a quella delle obbligazioni senior. Il rischio è legato proprio al fatto che, in caso di fallimento della banca, il portatore viene soddisfatto dopo gli altri creditori senior. In altri casi, l’investitore può subire perdite (in certi casi irrecuperabili) anche qualora la banca non diventi insolvente ma semplicemente si trovi in una qualche difficoltà operativa.

LEGGI ANCHE: Le caratteristiche dei bond subordinati

OBBLIGAZIONI SUBORDINATE: LE TIPOLOGIE IN CIRCOLAZIONE
Con le ultime regole sui requisiti minimi di capitale, le cosiddette Basilea 2 e Basilea 3, la distinzione tra le diverse categorie di obbligazioni subordinate è cambiata e le tipologie sono ridotte a 2: Tier 1 e Tier 2. In precedenza le tipologie di bond subordinati erano 4, che riportiamo si seguito.
E' importante tenerne conto visto che sono ancora in circolazione e potrebbero essere ancora nel portafoglio di qualcuno:
- Tier 1
- Upper Tier 2
- Lower Tier 2
- Tier 3

BOND SUBORDINATI: I TIER 1
Le obbligazioni subordinate Tier 1 sono le più rischiose e in caso di insolvenza si rischia il 100% del capitale investito. C’è il rischio che l’emittente possa differire o addirittura cancellare una cedola in particolari situazioni (per esempio quando non può pagare un dividendo). Spesso non hanno scadenze finali e in caso di difficoltà c’è il rischio di subire una decurtazione del capitale.

BOND SUBORDINATI: GLI UPPER TIER 2
Le obbligazioni subordinate Upper Tier 2 sono, dopo le Tier 1 i bond junior più rischiosi. In caso di insolvenza si rischia il 100% del capitale investito e c’è il rischio che l’emittente possa differire (ma non cancellare una cedola): in caso di necessità, infatti, le cedole non vengono cancellate, ma solo sospese e pagate, tutte insieme, nel primo anno che si chiuda in utile. Non è detto che esista una scadenza finale  predeterminata e non si rischia quasi mai di subire una decurtazione del capitale.

BOND SUBORDINATI: I LOWER TIER 2
Le subordinate Lower Tier 2 sono la tipologia di bond subordinato più comune. Spesso sono di durata decennale, gli interessi sono sospesi solo nel caso in cui si manifesti un grave caso di insolvenza. . In caso di liquidazione dell’emittente, questo strumento viene preferito ai Tier 1 e Upper Tier 2, trovandosi soddisfatto allo stesso modo dei Tier 3, ma sempre dopo le obbligazioni senior .
Possono essere a scadenza fissa od essere dotati di una clausola di rimborso anticipato (non prima del quinto anno di vita e, di solito, cinque anni prima della scadenza finale). Se la banca  non utilizza l’opzione di rimborso anticipato alla prima data consentita, non solo la cedola viene aumentata in modo consistente (clausola di step-up), ma  l’emittente viene anche penalizzato dalla propria banca centrale, visto che perde progressivamente il diritto di considerare tali bond capitale di vigilanza.

BOND SUBORDINATI: I TIER 3
I Tier 3 sono i bond subordinati meno rischiosi (e quindi meno remunerativi). Visto che non vengono conteggiati dalle banche quale capitale di vigilanza vero e proprio sono un asset class poco comune. Hanno scadenza breve, di solito dai 2 ai 4 anni.

Le varie tipologie di bond subordinati in una tabella riepilogativa:

rendimento_rischio

BOND SUBORDINATI: 5 COSE DA SAPERE
Sono 5 gli elementi che vanno attentamente valutati prima di investire nelle obbligazioni subordinate.

Le obbligazioni subordinate sono strumenti complessi e spesso difficili da inquadrar
e – Nonostante in questi ultimi anni la normativa  sulla trasparenza degli investimenti abbia fatto passi da giganti non è sempre facile comprendere le caratteristiche tecniche di questi titoli. Per capirle in pieno bisognerebbe avere ben chiare le logiche di funzionamento degli intermediari creditizi e delle banche centrali. Molo spesso non è sempre chiaramente evincibile dalla documentazione il reale rischio a cui ci si espone.

Il loro rischio di credito è elevato
- In caso di fallimento o di dissesto, la perdita che può subire l’investitore è sempre elevata e molto spesso tendente al 100% del capitale investito, poiché vengono privilegiati gli altri creditori. In particolare, il rischio di credito è elevatissimo per le obbligazioni di tipo Tier 1 e per alcuni Tier 2.

Sono difficili da valutare, specie se è incerta la data di rimborso del capitale - Molte obbligazioni subordinate non hanno una vera e propria scadenza, ma prevedono la possibilità di essere richiamate dall’emittente a certe date con la cosiddetta opzione “call”. L’assenza di scadenza rende difficile stimare il rendimento dell’investimento, dal momento che non si conosce con certezza la sua scadenza.

La loro liquidità è scarsa - I bond subordinati possono essere veramente difficili da acquistare e da vendere.

Il rischio è difficile da diversificare – Nella maggior parte dei casi non basta avere un portafoglio ampiamente diversificato per potere controllare il rischio di queste obbligazioni. Il rischio che comporta questo tipo di investimento assomiglia infatti più a quello di un portafoglio azionario che a quello di un portafoglio di obbligazioni corporate.

LEGGI ANCHE: Le obbligazioni subordinate: le cinque cose da sapere

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutti gli articoli su: bond
da

Soldi e Lavoro

Novità pensioni precoci: grazie a chi si prodiga per noi

Novità pensioni precoci: grazie a chi si prodiga per noi

Le ultime novità sulle pensioni precoci dopo il colloquio con Tommaso Nannicini arrivano da un lavoratore precoce, Andrea detto il Toscano Continua »

da

ABC Risparmio

Novità pensioni precoci: correggere la Fornero entro luglio!

Novità pensioni precoci: correggere la Fornero entro luglio!

Le ultime novità sulle pensioni precoci giungono dal Governo e dal Presidente della Commissione lavoro alla Camera dei Deputati Cesare Damiano Continua »