NAVIGA IL SITO
Home » Guide » Basi Investimento » Come funziona il mercato azionario

Come funziona il mercato azionario

Il mercato azionario affascina, come un mondo di guadagni facili, basta avere la dritta. Ma purtroppo non è così. Per guadagnare bisogna saperne. Ecco una guida per iniziare dalle basi.

di Marco Delugan 25 gen 2017 ore 14:13

  Chi inizia a interessarsi al mercato azionario lo fa, di solito, per investire i suoi risparmi. Lo fa, quindi, per un motivo importante. Per creare opportunità, che siano di consumo o di investimento, che siano di svago o di formazione, o di altro ancora.

LEGGI ANCHE: Come investire in borsa

Per chi inizia a interessarsi di borsa i mercati azionari possono sembrare molto confusi e complessi. E in parte le cose stanno effettivamente così. Ma in realtà, e d’altra parte, i meccanismi fondamentali non sono poi così difficili da capire. In borsa si scambiano molti prodotti finanziari, come azioni, obbligazioni, titoli di stato, covered warrant e derivati. Il mercato azionario è quindi solo un segmento della borsa valori. In questo articolo vedremo proprio come funziona il mercato azionario nelle sue linee fondamentali. Partendo dalle basi.

 

COSA SONO LE AZIONI

mercato azionarioUn titolo azionario rappresenta una quota di proprietà di una azienda. Ad esempio, se una azienda emette un milione di azioni e voi ne possedete una, allora possedete un milionesimo di quell’azienda. Possedere un titolo azionario vuol dire avere alcuni diritti nei confronti dell’azienda che lo ha emesso. Tra questi ci sono i diritti legati alla partecipazione dell’assemblea dei soci. E c’è il diritto alla quota di utili che l’azienda può distribuire.

In un’ottica strettamente finanziaria, tralasciando quindi tutto quello che implica poter partecipare all’assemblea, i motivi per investire nel mercato azionario sono la possibilità di ricevere i dividenti distribuiti e il guadagno in conto capitale dovuto alla possibile crescita della quotazione del titolo stesso.

Non tutte le aziende distribuiscono dividendi. Alcune preferiscono reinvestirli nella crescita dell’azienda stessa. In altri casi, semplicemente, l’azienda può non avere dividendi da distribuire.

LEGGI ANCHE: 8 ragioni per investire nelle azioni che pagano dividendi

 

COME FUNZIONA LA BORSA VALORI

I titoli azionari vengono scambiati in borsa. La borsa valori è un mercato finanziario regolamentato. In borsa vengono acquistati e venduti diversi strumenti finanziari. Permette l’incontro della domanda e dell’offerta di capitali. E in particolare consente alle imprese di finanziarsi attraverso l'emissione di azioni e obbligazioni, e allo Stato di ottenere fondi attraverso l'emissione di titoli del debito pubblico. Ma in borsa non vengono scambiati solo titoli azionari.

Alla borsa di Milano i titoli azionari vengono scambiati in un mercato che si chiama MTA (Mercato telematico azionario). Vediamo quali sono gli altri segmenti di Piazza Affari:

  • SEDEX: vengono negoziati covered warrant e certificates;
  • MOT: mercato telematico per le obbligazioni, ulteriormente diviso in DomesticMot e EuroMot;
  • After hours: dove è possibile negoziare dopo la chiusura di borsa, ma solo azioni, covered warrant e certificates;
  • ETFplus, Il mercato degli ETF e degli strumenti finanziari derivati cartolarizzati;
  • IDEM, dove si possono negoziare i contratti futures e i contratti d’opzione aventi come attività sottostante indici e singoli titoli azionari.

 

I SEGMENTI PRINCIPALI DEL MERCATO AZIONARIO DI MILANO

Come abbiamo appena visto, il mercato azionario di Piazza Affari è il MTA (mercato telematico azionario). Il MTA si divide poi in altri due segmenti: il mercato primario e quello secondario. Sul mercato primario vengono negoziati i titoli di nuova emissione. Sul mercato secondario vengono negoziati i titoli già in circolazione.

 

ALTRI SEGMENTI MTA

Il mercato telematico azionario è poi suddiviso in altri segmenti secondo la capitalizzazione delle aziende quotate. La capitalizzazione di una azienda (o di un titolo) è data dalla moltiplicazione del suo prezzo per il numero di azioni che l’azienda ha emesso. Ecco i segmenti del mercato MTA per capitalizzazione delle aziende quotate:

  • Blue Chip, segmento dedicato alle società con capitalizzazione superiore a 1 miliardo di euro;
  • Star, segmento dedicato alle medie imprese con capitalizzazione compresa tra 40 milioni di euro e 1 miliardo che hanno requisiti di eccellenza;
  • Segmento Standard, dedicato alle altre società con capitalizzazione tra 40 milioni di euro e 1 miliardo.

 

OFFERTA PUBBLICA INIZIALE

L'approdo al mercato azionario di una società per azioni avviene tramite la così detta offerta pubblica iniziale (IPO). In inglese è initial public offering. L'offerta può venire realizzata secondo tre modalità.

Quando gli investitori possono sottoscrivere azioni di nuova emissione si tratta di offerta pubblica di sottoscrizione (OPS).

Si chiama offerta pubblica di vendita (OPV), quando gli investitori possono sottoscrivere azioni già possedute dagli attuali azionisti.

Esiste poi una terza modalità, che racchiude entrambe le precedenti, e si chiama offerta pubblica di vendita e di sottoscrizione.

L’azienda che si quota accrescerà il proprio capitale solo nel caso che collochi in borsa azioni di nuova emissione. Nel caso in cui vengano vendute azioni già possedute da altri azionisti, non ci sarà un aumento di capitale, ma la cessione della proprietà, in tutto o in parte, dai vecchi ai nuovi azionisti. Dopo la quotazione, il titolo potrà essere scambiato sul mercato azionario. E in particolare sul così detto mercato secondario.

 

COME ACQUISTARE E VENDERE AZIONI

Sui mercati azionari si può operare fondamentalmente in due modi. O da soli o affidandosi a gestori professionisti come le banche, i private banker e i promotori finanziari. Per far da soli ci sono due vie: il trading online, o emettendo ordini di acquisto o vendita alla propria banca, via telefono o recandovisi di persona. In tutti i casi bisogna aprire un conto titoli.

LEGGI ANCHE: Come investire in azioni

 

COS’E’ IL TRADING ONLINE

Il trading online è un modo di acquistare e vendere azioni - ma anche obbligazioni, future, titoli di stato e altri strumenti finanziari - via web e da soli. E' uno strumento poco costoso, e permette di accedere a quotazioni, grafici, notizie e strumenti di analisi tecnica e analisi fondamentale. Per operare in borsa tramite il trading online bisogna utilizzare una piattaforma di trading.

 

COSA DETERMINA IL PREZZO DI UNA AZIONE

Il prezzo di un titolo azionario in ogni momento è determinato dalla domanda e dall’offerta. E’ un po’ il principio dell’asta. Se la domanda è più alta dell’offerta, allora il prezzo del titolo salirà fino a quando le due forze saranno in equilibrio. Se invece ci sono più venditori che acquirenti, il prezzo scenderà finché altri acquirenti non saranno entrati nel gioco tanto da trovare un punto di equilibrio.

Cosa determini domanda e offerta, è un altro paio di maniche. In primissima approssimazione, sono le diverse opinioni sulle prospettive del titolo, e le diverse strategie impiegate dagli investitori a spingere verso le due scelte opposte. Insomma, il mercato si basa sulle divergenze di opinione.

Comunque sia, quello che si osserva quotidianamente sul mercato azionario è che i prezzi delle azioni fluttuano costantemente. Il punto di equilibrio è molto instabile.

Sull’andamento del titolo potranno influire il mutare delle prospettive economiche della società, di quelle del comparto in cui opera l’azienda, gli andamenti politici ed economici più generali e i così detti rumors (notizie su cui non sia ha però certezza) su accadimenti che possono influire in maniera importante sul futuro dell’azienda.

 

COME LEGGERE LE QUOTAZIONI AZIONARIE

Il prezzo dei titoli azionari sono solo uno dei dati che chi gestisce i mercati azionari mette a disposizione degli investitori per seguire l’andamento dei propri investimenti. A questa pagina un esempio tratto dalle quotazioni di Soldionline.

In linea di massima, nelle tabelle che riportano le quotazioni azionarie, si trovano tipicamente le seguenti informazioni:

  • ultimo prezzo: il prezzo attuale a cui viene scambiato il titolo in questione;
  • chiusura: l’ultimo prezzo a cui il titolo è stato scambiato il giorno precedente;
  • apertura: il prezzo del titolo alla prima transazione del giorno;
  • denaro: il prezzo più alto che al momento qualcuno è disposto a pagare per il titolo;
  • lettera: Il prezzo più basso a cui qualcuno è disposto a vendere il titolo;
  • variazione giornaliera: la differenza tra il prezzo del momento e quello di chiusura del giorno precedente;
  • minimo e massimo: il prezzo più basso e quello più alto a cui il titolo è stato scambiato durante la giornata corrente;
  • minimo e massimo a 52 settimane: il prezzo più basso e il prezzo più alto a cui il titolo è stato scambiato nell’ultimo anno;
  • volume: il numero di titoli scambiati nell’attuale giorno di contrattazione;
  • volume medio: il volume medio di azioni scambiate. permette di capire se il volume odierno è insolitamente alto o basso;
  • market Cap: il valore complessivo delle azioni circolanti;
  • rapporto P/E: il rapporto tra prezzo delle azioni e l’utile per azione;
  • EPS: i profitti dell’azienda negli ultimi 12 mesi;
  • dividendo: il dividendo annuale espresso in valore assoluto;
  • dividend yield: il rapporto tra dividendo annuale e prezzo corrente del titolo;
  • performance annua: la differenza tra il prezzo corrente e la chiusura dell’ultimo giorno dell’anno precedente.

 

COSA SONO GLI INDICI DI BORSA

Un indice azionario risulta dalla media pesata di un insieme di titoli. Viene utilizzato dagli investitori per avere un’idea sintetica e immediata di come sta andando uno specifico mercato azionario perché viene considerato rappresentativo dell’andamento di tale mercato, che sia l’intera borsa o un settore di particolare interesse.

Il Dow Jones Industrial Average comprende le 30 aziende della borsa di New York a maggiore capitalizzazione.

Lo S&P 500 traccia le prime 500 per capitalizzazione. I principali indici di piazza affari sono:

  • Ftse Italia All Share - comprende tutti i titoli degli indici FTSE MIB, FTSE Italia Mid Cap ed FTSE Italia Small Cap;
  • FTSE MIB - comprende 40 titoli italiani che rappresentano l'80% dell'intera capitalizzazione di mercato ed è composto da 40 azioni di primaria dimensione e liquidità che apprtengono al mercato azionario italiano;
  • Ftse Mid Cap - composto dalle prime 60 azioni nella classifica per la capitalizzazione delle società;
  • Ftse Italia Small Cap - comprende le piccole aziende al di fuori dell'indice FTSE MIB e di quello FTSE Italia Mid Cap;
  • Ftse Italia Star - comprende le azioni del segmento STAR del mercato MTA;
  • Ftse Aim Italia - comprende tutte le azioni negoziate sul mercato AIM Italia.

 

GLI ORARI DI PIAZZA AFFARI

Asta di apertura: 08:00-09:00

Negoziazione continua: 09:00-17:30

Asta di chiusura: 17:30-17:35

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldieLavoro

DIS COLL: l'indennità di disoccupazione per i co.co.co.

DIS COLL: l'indennità di disoccupazione per i co.co.co.

La DIS COLL è l'indenità di disoccupazione per i lavoratori parasubordinati. E' stata introdotta nel 2015 e più volte prorogata fino a diventare strutturale nel 2017 Continua »