NAVIGA IL SITO
Home » Guide » Basi Investimento » Cos’è il trading online

Cos’è il trading online

Per investire in Borsa dalla propria scrivania, da casa o dall’ufficio.

di Matteo Polleschi

Il trading online (TOL), così viene chiamato, con abbreviazione inglese, non è altro che un modo di interagire, dalla propria scrivania di casa o dell'ufficio, con il mondo della borsa. E quindi con tutti gli strumenti finanziari disponibili per investire il proprio denaro. Il trading online è arrivato in Italia solo nel 1999, quando il "Nuovo Regolamento Consob di attivazione del Testo Unico dei mercati finanziari" ne ha regolamentato gli aspetti. Consente l'acquisto e la vendita online di strumenti finanziari come azioni, obbligazioni, future, titoli di stato, ecc... Se siete interessati ad investire il vostro denaro da soli, il trading online può essere un buona opportunità. In questo articolo iniziamo a capire di cosa si tratta.

LEGGI ANCHE: Come funziona il mercato azionario

 

COS'E' IL TRADING ONLINE

Il trading online, è uno strumento poco costoso per investire il proprio denaro in borsa. Le commissioni sono basse e in più si ha accesso a quotazioni e grafici in tempo reale, analisi tecnica e fondamentale, e tante altre cose. Cose che servono all’investitore per effettuare le scelte di investimento giuste, al momento giusto. Le vedremo meglio in seguito. Con il trading online, si ha tutto sotto occhio, all’istante, in tempo reale. Si parte con il preborsa, l'apertura, la chiusura, e anche l'afterhours per i titoli azionari. La maggior parte degli investitori usa il TOL per investire in azioni. Poi si ha accesso alla quotazione dei fondi di investimento, dei titoli di Stato, dei CW, ecc... L'orario di lavoro per l’investimento in titoli azionari si può paragonare a quello di un lavoro comune. Apertura ore 09.00 e chiusura 17.30, escluso il mercato asta. In più, con l'afterhours, si fa anche lo straordinario.

 

LE NOTIZIE CHE INFLUENZANO UN TITOLO

Con una piattaforma di trading online si posso leggere tutte le notizie che influenzano un titolo, un settore di titoli, oppure notizie globali macro e microeconomiche. Notizie che possono far salire e scendere in maniera repentina il mercato e i titoli. Per ogni titolo si hanno a disposizione molte informazioni di carattere societario: aumenti di capitale, nuovi contratti, riduzione o aumento di target price, rating, e giudizi da parte degli analisti eccetera. E poi si ha tutta la parte riguardante, la “matematica”, la statistica e la finanza: bilanci, indici di bilancio, grafici per l'analisi di un titolo, con la possibilità di scegliere il criterio di analisi con i vari indicatori. L'attenzione maggiore prima di fare uso del trading online, è conoscere gli strumenti finanziari a disposizione, per poi procedere all’investimento voluto.

 

LEGGI ANCHE: Tutti i più importanti prodotti finanziari

 

Si ha anche la possibilità di investire in altri strumenti, obbligazioni, CW, certificates, fondi di investimento, ETF, e chi più ne ha più ne metta. In quali mercati sui può investire? Europa e America, ma tante volte dipende da che servizi abbiamo attivato sulla nostra piattaforma online.

 

COME OPERARE CON IL TRADING ONLINE

Focalizzando l’attenzione sull’uso da parte dell’investitore, identifichiamo tre modi di operare (in base all’orizzonte temporale che chi investe decide).

Lo scalping, cioè l’entrata e l’uscita dal mercato, di solito con titoli azionari, più volte nell’arco della giornata (operazioni che durano minuti). Lo scalper utilizza frequentemente e in modo costante il book. Ovvero:

trading online

Dove il danaro rappresenta quello che siamo disposti a pagare per acquistare il titolo. La lettera è, invece, la richiesta di danaro da parte del venditore, quindi prezzo di vendita del titolo. Sulla sinistra del book si ha la quantità di “denaro” disposti ad acquistare ovvero numero di azioni e il prezzo di acquisto. Lo stesso per la “lettera” solo che si tratta della vendita e sulla sinistra della Q. Denaro e sulla destra della Q. Lettera si ha il numero di investitori disposti ad acquistare o vendere al prezzo del livello. Ricordo che i book profondi sono a 5 livelli, come quello sopra indicato. Vedremo in seguito meglio le strategie di scalping e il book, le quali richiedono molta attenzione, in quanto complesse.

 

LEGGI ANCHE: Trading online: il book e lo Scalping

 

Il day trading, che vuol dire operare con un orizzonte temporale giornaliero. Il day trader compra un’azione, che sta seguendo da un certo periodo, e l’acquista quel giorno, perché è convinto dalle sue analisi, dalle notizie del titolo e del mercato, che quel giorno, farà la migliore performance.

Poi ci sono gli open trader, ovvero coloro che entrano nel mercato in modo casuale, oppure dopo l’uscita di qualche dato o notizia.

Esistono anche investitori long. E cioè coloro che aprono posizioni long, che credono che quel titolo, dati determinati accadimenti, possa salire in un arco temporale medio lungo. Più avanti vedremo tutte le strategie che possono essere usate, per poter investire in tutte le modalità sopra descritte.

 

HOME BANKING E TRADING ONLINE

Tornando un po’ indietro ci possiamo chiedere: ma io posso lavorare da casa, dall’ufficio, ma in che modo, collegandomi a cosa? Riposta: per gli investitori non professionisti ci si appoggia all’home banking e alle piattaforme messe a disposizione dal nostro Istituto. Con la locuzione inglese home banking (traducibile come banca da casa), anche detto banca online, vengono indicate le operazioni bancarie effettuate dai clienti degli istituti di credito tramite una connessione remota con la propria banca, funzionalità resasi possibile con la nascita e lo sviluppo di Internet e delle reti di telefonia cellulare. Alcuni dei servizi di home banking attualmente più diffusi sono:

  • Visione dell'estratto conto
  • Bonifici bancari on-line
  • Operazioni di ricarica del cellulare
  • Pagamenti on-line
  • Investimenti

L'adozione di sistemi di home banking ha portato vantaggi sia alle banche che ai clienti degli istituti di credito: per la banca l'adozione di tali servizi comporta l'allargamento del target di clientela, potendo estendere i propri servizi anche all'estero, nonché una riduzione dei costi lavorativi; i clienti beneficiano invece della maggior comodità (accesso non geograficamente né temporalmente limitato) dei servizi di home banking e del loro minor costo rispetto ai servizi off-line. Quindi l’home banking è la “base-servizio” per fare trading online, quasi tutte le più famose banche danno la possibilità di avere l’home banking, e quindi piattaforme per il trading online.

 

LA PIATTAFORMA DI TRADING ONLINE

Chi investe ed opera su internet ha la necessita di poter contare su piattaforme di trading online sempre più avanzate. E con livelli di usabilità molto elevate. Le piattaforme di trading di ultima generazione permettono di ottenere informazioni molto dettagliate per operare al meglio. E strumenti per poter effettuare scambi in qualsiasi posto e in qualsiasi momento.

COME E' FATTA UNA PIATTAFORMA DI TOL

Ora vediamo come è fatta una piattaforma di trading online; prima vi preciso che ogni piattaforma propone un’interfaccia diversa, rispetto ad un’altra, ma sostanzialmente la funzione è la solita:

  1. non richiedono di installare software e sono compatibili con i principali sistemi operativi (Windows, Mac, Unix, Linux);
  2. sono gratuite;
  3. sono sviluppate internamente; quindi si può intervenire direttamente sui programmi, sia per la manutenzione che per lo sviluppo: gli aggiornamenti sono messi a punto con modalità più rapide ed efficaci e anche eventuali suggerimenti utili dei clienti possono trovare risposta velocemente;
  4. sono tra loro integrate, ovvero il cliente troverà la stessa situazione del proprio conto di trading qualunque piattaforma stia utilizzando. Ad esempio può inserire l'ordine dal Book e controllare l'eseguito e la nota informativa sulla Base;
  5. forniscono le quotazioni dei titoli in modalità push tick by tick;
  6. consentono l'immissione, modifica e revoca degli ordini in un secondo;
  7. permettono di immettere ordini "al meglio", con prezzo limite o condizionati (stop loss/debording);
  8. consentono di vendere "allo scoperto" con ricopertura in giornata, oppure oltre tale termine, mediante l'apertura di un prestito titoli;
  9. consentono di effettuare acquisti con il "margine", cioè impegnando solo una frazione dell'importo dell'acquisto;
  10. sono in grado di visualizzare i grafici intraday e storici di indici e titoli;
  11. espongono per ogni ordine l'esatta cronistoria: ora-minuto-secondo di immissione, di inoltro alla Borsa, di entrata in negoziazione e di eseguito;
  12. ad ogni eseguito presentano l'aggiornamento in tempo reale della posizione in euro e titoli, compreso il calcolo della componente fiscale;
  13. consentono di accedere al proprio conto in qualunque momento, anche fuori dell'orario di operatività della Borsa.

Con la piattaforma si ha pieno accesso agli strumenti necessari per investire, la comodità che è tutto visualizzabile anche quando il mercato è chiuso.

 

I COSTI DELLA PIATTAFORMA DI TRADING ONLINE

I costi variano in base ai servizi offerti e all’affidabilità e alla funzionalità della piattaforma usata. Di solito hanno un canone mensile, da cui si può rientrare in base agli eseguiti fatti. Per esempio: se si fanno 20-30 eseguiti in un mese, di acquisto e vendita, la piattaforma è gratis. Altre permettono di operare in Push (ovvero si vedono le variazioni dei prezzi in tempo reale), ma hanno funzionalità limitate. Tutto dipende da come e cosa si vuol fare. E' logico che gli operatori professionali usino piattaforme aggiornatissime e affidabili. Con la piattaforma di trading, abbiamo sotto controllo il nostro conto corrente, quindi saldo sempre visibile e aggiornato, ad ogni operazione fatta, e piena disponibilità ad operare sui mercati finanziari con un click.

 

TUTTO SEMPLICE?

Per chi è del mestiere si, per chi si affaccia al trading online per la prima volta, non proprio. Prima di investire, bisogna capire bene, molto bene, come funziona tutto lo “scatolone”. Il consiglio che posso dare, è di rivolgersi al proprio consulente, perché vi indichi come agire. Ricordiamoci sempre che stiamo investendo i nostri soldi, magari risparmi sudati in anni di lavoro, e non è piacevole perderli, per uno stupido errore. Se sentite in giro dire che con la Borsa si guadagna sempre e bene, non è tutto vero, o meglio i guadagni si fanno, ma è facile anche avere delle perdite.

 

Matteo Polleschi

matteo.polleschi@libero.it

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldieLavoro

DIS COLL: l'indennità di disoccupazione per i co.co.co.

DIS COLL: l'indennità di disoccupazione per i co.co.co.

La DIS COLL è l'indenità di disoccupazione per i lavoratori parasubordinati. E' stata introdotta nel 2015 e più volte prorogata fino a diventare strutturale nel 2017 Continua »