NAVIGA IL SITO
Home » blog » Carlo Vallotto » L'Analisi tecnica VS Analisi fondamentale

L'Analisi tecnica VS Analisi fondamentale

venerdì, 7 agosto 2009

Per chi si avvicina ai mercati finanziari, va detto e specificato che esistono diverse tipologie di analisi: ossia metodologie che si possono applicare per studiare l’andamento dei mercati e per cercare di prevederne il futuro andamento.

Nel corso del tempo, si può notare che le tre scuole di pensiero che hanno avuto maggiore sviluppo sono: l’Analisi fondamentale, la Random Walk Theory, e l’Analisi Tecnica. 

L’Analisi fondamentale studia le qualità fondamentali di un’azienda e, di conseguenza, del settore in cui essa opera, partendo dallo studio dei suoi valori di bilancio.

 Questo tipo di analisi è mirata a determinare il valore intrinseco delle società quotate in borsa, e confrontandole col valore di mercato si riesce a capire se un’azienda è “sottovalutata” rispetto ai prezzi espressi dalle contrattazioni (e quindi bisogna acquistare i suoi titoli) oppure al contrario è “sopravvalutata” (e quindi in questo caso occorre venderli).

Tenendo invece presente l’ipotesi di efficienza dei mercati, la Random Walk Theory,si basa sulla teoria che i prezzi in un qualsiasi mercato finanziario oscillano in modo irregolare rispetto al valore reale. 

Ma dal momento che, in questo caso, le informazioni giungono agli investitori in maniera imprevedibile ed imponderabile, questo rende impossibile poter prevedere il futuro andamento dei prezzi. Quindi, in questo caso, la migliore strategia da adottare è quella del tipo “buy and hold”, ossia, compra e tieni, non potendo assolutamente prevedere il futuro andamento dei mercati.

Lo studio dell'analisi tecnica si è rivelato essere sempre più importante nell’osservazione dei mercati finanziari. 

L'analisi tecnica è lo studio, vero e proprio, dell'andamento dei prezzi dei mercati finanziari nel tempo, la sua applicazione, risulta utile per intuire e quindi prevedere le tendenze future del prezzo 

Con l'uso dell'analisi tecnica si cercherà, infatti, di analizzare e capire, attraverso l’utilizzo di grafici e di altri appositi indicatori, l'andamento dei prezzi; il grafico, a sua volta, aiuterà a farci intuire le probabili mosse degli investitori,dal momento che il comportamento di questi ultimi,essendo presumibilmente ripetitivo nel tempo, farà si che al verificarsi di determinate condizioni grafiche anche i prezzi si muoveranno di conseguenza come nel passato.

Al suo esordio e per tantissimo tempo, c'è stata la tendenza ad applicare l'analisi tecnica solamente al mercato azionario; oggi la sua applicazione si è invece estesa anche e, soprattutto, al mercato delle materie prime, a quello obbligazionario, a quello valutario e a tutti gli altri mercati internazionali.

Il principale compito dell'analista tecnico, è quello di ricercare il Trend, cioè la tendenza seguita dal mercato o meglio dai prezzi del bene in esame. Una volta individuato, cercherà il punto di ingresso, detto "il Timing", e successivamente il punto di uscita. L'analisi tecnica cerca di individuare il movimento che il mercato farà. Una volta capita e stabilità la direzione dei prezzi si entrerà per poter cavalcare l'onda dei prezzi 

Carlo Vallotto

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

Soldi e Lavoro

Novità pensioni precoci: grazie a chi si prodiga per noi

Novità pensioni precoci: grazie a chi si prodiga per noi

Le ultime novità sulle pensioni precoci dopo il colloquio con Tommaso Nannicini arrivano da un lavoratore precoce, Andrea detto il Toscano Continua »

da

ABC Risparmio

Pensione anticipata e precoci: le risorse ci sono!

Pensione anticipata e precoci: le risorse ci sono!

Domenico Proietti e Cesare Damiano incalzano il Governo Renzi affinché non si indietreggi sulle promesse fatte in ambito previdenziale Continua »