NAVIGA IL SITO
Home » Archivio » Speciale India » Lotta alla droga nel nordest indiano

Lotta alla droga nel nordest indiano

Chandel, uno sperduto, minuscolo villaggio del Manipur orientale, ha catturato l’attenzione dell’UNODC (l’agenzia dell’Onu per la lotta alla droga), che ha lo identificato come un centro dei traffici di droga in India, sia per quanto riguarda l’entrata degli stupefacenti nel paese sia per la loro distribuzione.

di La redazione di Soldionline 10 lug 2006 ore 11:17
Benché le forze di polizia non abbiano dati precisi, si stima che solo a Chandel, tra marijuana e vari tipi di eroina, si muova qualcosa come 20 miliardi di rupie al mese (quasi 350mila euro, una cifra molto alta considerando il livello dei prezzi e il tenore di vita in India).

Secondo un recente rapporto stilato dall'UNODC in collaborazione con le autorità ministeriali indiane, il paesino di Chandel, situato alla frontiera con la Birmania (Myanmar), è la principale porta d'ingresso delle droghe provenienti dal paese confinante e un centro di distribuzione per gli stati indiani del Nordest e per il Bangladesh. Le forze di polizia e le agenzie di sicurezza sono state messe all'erta, con l'indicazione di dare un giro di vite e di rafforzare i controlli, soprattutto lungo la National Highway, considerata dal rapporto come l'arteria principale dei traffici illeciti tra Birmania e India.
Enormi carichi di droga raggiungerebbero Chandel da oltre confine, specialmente dalle città di Tahan e Falam. Una volta giunti in India, verrebbero caricati su camion, generalmente con destinazione Impahl, la città capoluogo del Manipur, secondo punto di distribuzione, dove i corrieri ritengono una parte del carico per la diffusione sul mercato locale, e una parte per il contrabbando col vicino Bangladesh, mentre il resto prosegue verso lo stato del Nagaland.
Secondo il rapporto, stante la facile disponibilità di droghe, la spesa media per il consumo di stupefacenti negli stati indiani del Nordest è più alta del 55-60% rispetto alla media nazionale.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldieLavoro

DIS COLL: l'indennità di disoccupazione per i co.co.co.

DIS COLL: l'indennità di disoccupazione per i co.co.co.

La DIS COLL è l'indenità di disoccupazione per i lavoratori parasubordinati. E' stata introdotta nel 2015 e più volte prorogata fino a diventare strutturale nel 2017 Continua »

da

ABCRisparmio

Carta Postepay: cos'è e come funziona

Carta Postepay: cos'è e come funziona

La prepagata di Poste Italiane permette di fare tante cose, anche su internet. E in ottima sicurezza. Cos'è e come funziona la carta Postepay. Continua »