NAVIGA IL SITO
Home » Analisi di Scenario » Titoli che rendono il 4%?

Titoli che rendono il 4%?

Oggi vi segnaliamo i rischi di un mercato del risparmio dove chi suggerisce certe operazioni azzardate lo fa guardando non alla redditività dell’investimento quanto a quella del prodotto

di Valter Buffo 20 mar 2017 ore 09:23

Commento giornaliero di www.recce-d.com

 

Affari, affari, affari: ci sono obbligazioni in giro che rendono il 4%, e per chi cerca un rendimento sono la soluzione migliore. Chi lo dice? Noi no di certo: ma (purtroppo) ci tocca di leggere con sempre maggiore frequenza affermazioni semplicione come queste, rivolte ad un pubblico di risparmiatori che è stato cacciato (dalle Banche Centrali) nel vicolo cieco delle “politiche monetarie non convenzionali”. Che fare allora? Ma buttiamoci a pesce sul rischio, no? Comperiamo obbligazioni con la cedola alta, oppure comperiamo azioni con il dividendo alto. Si ma … il prezzo? Il prezzo dove lo metti, dove andrà? Non stara mica fermo! E il cambio, dove lo metti? Chi propone quelle spericolate operazioni non si sofferma certo su un dettaglio come il prezzo: e fa malissimo, perché priva l’investitore di una informazione molto importante, ovvero del fatto che sia la cedola della obbligazione sia il dividendo possono venire azzerati in una settimana, ovvero in cinque sedute, da una discesa dei prezzi. Dopodiché all’investitore resta in mano tanto rischio, e zero rendimento. E buona fortuna! Il nostro suggerimento, a chi legge questi articoli oppure a chi riceve dal consulente questi suggerimenti, è di scappare via veloce, oppure mostrare al consulente il primo grafico qui sotto: quello che vedete qui è un ETF molto diffuso che investe solo su obbligazioni “a cedola elevata”, e quindi di bassa qualità, emesse negli Stati Uniti. Cosa ci dice il grafico: che nell’ultimo anno NON ESISTE LA CEDOLA, perché il calo dei prezzi delle obbligazioni si è mangiato la cedola. In aggiunta, vedete anche che proprio nelle ultime settimana si è registrato un forte calo di questi ETF, che ha riportato il prezzo sulla media mobile a 200 giorni. Passando poi alle azioni “ad alto dividendo2, è proprio sulla base di suggerimenti come quelli di private bankers e promotori, che spingono sempre sui prodotti azionari, che la quota di azionario nei portafogli è salita in questa prima parte del 2017: il secondo grafico si riferisce ai Clienti USA della Banca Merrill Lynch, ma in Italia si sta facendo la stessa cosa. Qualcosa che Recce’d al contrario vi suggerisce di NON fare.

CONCLUSIONE   Recce’d oggi vi segnala i rischi di un mercato del risparmio dove chi suggerisce certe operazioni azzardate lo fa guardando non alla redditività dell’investimento quanto a quella del prodotto

 

etf-che-investe-solo-su-obbligazioni-a-cedola-elevata

Fonte: BtH

 

gwmi-equity-allocation

Fonte: Merrill Lynch

 

Nel daily dedicato ai Clienti, The Morning Brief, di oggi 20 marzo 2017, abbiamo trattato i seguenti temi:

  1.     Il post-Fed non è ancora finito: attenzione al dollaro USA contro yen dopo il G20
  2.     Il petrolio apre la settimana sotto i 50$
  3.     Questa settimana avremo dati molto significativi dal Regno Unito: domani l’inflazione e giovedì le vendite al dettaglio
  4.     SEZIONE L'OPERATIVITA'    questa settimana il mercato ci suggerisce di guardare alle valute: si potrà generare performance, nel 2017, come noi abbiamo fatto nel 2016?
  5.     SEZIONE L'ANALISI    ci concentriamo, questa settimana, sull’Italia ed i suoi mercati finanziari

 

 

recced-logo_1

La titolarità dell'analisi che qui riportiamo è dell'autore della stessa, e l'editore - che ospita questo commento - non si assume nessuna responsabilità per il suo contenuto e per le finalità per cui il lettore lo utilizzerà
Tutti gli articoli su: recced , tassi interesse
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldieLavoro

REI (Reddito di inclusione sociale): cos’è e a chi spetta

REI (Reddito di inclusione sociale): cos’è e a chi spetta

Il REI è il nuovo sussidio introdotto a inizio marzo dal governo Gentiloni. Vediamo a chi spetta, requisiti e importo del reddito di inclusione sociale. Continua »

da

ABCRisparmio

Bonus Mamma domani: 800 euro per tutte. Richieste dal 4 maggio 2017

Bonus Mamma domani: 800 euro per tutte. Richieste dal 4 maggio 2017

Dal 4 maggio 2017 è possibile richiedere il bonus mamma domani. 800 euro, richiedibili negli ultimi mesi della gravidanza, per affrontare le prime spese per il nascituro Continua »