NAVIGA IL SITO
Home » Analisi di Scenario » Si rischia una corsa agli sportelli?

Si rischia una corsa agli sportelli?

Dieci anni la corsa agli sportelli di Northern Rock, nel Regno Unito. Dopo tutto quello successo in questo decennio le probabilità che si verifichi per qualceh altra banca sono reali?

di Redazione Soldionline 6 ott 2017 ore 15:58

Dieci anni fa si verificò la corsa agli sportelli di Northern Rock, nel Regno Unito. Dopo tutto quello successo in questo decennio le probabilità che si verifichi di nuovo una situazione analoga sono reali o si tratta di un'eventualità ora remota? Secondo Rahul Kalia, Investment Manager di Aberdeen Standard Investments, il rischio c'è. Per motivi però diversi, ovvero gli alti livelli di debito al consumo, i problemi con i capitali di una banca, l’elevato numero di non performing loans in Europa e il tapering delle banche centrali.

Ecco il report del gestore:

banca_18A dieci anni dalla corsa agli sportelli di Northern Rock e nove dalla sua nazionalizzazione, le banche sono cambiate moltissimo. Il modello di business di Northern Rock di affidarsi ai mercati wholesale per il finanziamento a breve termine è stato archiviato. Gli istituti sono stati obbligati a detenere più capitale e di migliore qualità e gli standard di erogazione dei prestiti sono nel complesso migliorati.

 

Anche la sorveglianza bancaria è migliorata molto. Un controllo normativo ha scoperto che i supervisori bancari avevano incontrato Northern Rock solo 7 volte nei 18 mesi precedenti la corsa agli sportelli. Durante la crisi quasi ogni aspetto della normativa globale è stato trovato disatteso e i livelli di scrutinio sono ora più forti.

 

Ciò non significa che una corsa agli sportelli non si verificherà più. Le cause possono variare ma alla loro base c’è sempre una perdita di fiducia.

 

Gli alti livelli di debito al consumo possono essere una causa. La Fed di New York ha dichiarato nel corso dell’anno che il debito delle famiglie ha superato i picchi del 2008 per raggiungere i 12.730 miliardi di dollari ed anche la Bank of England ha espresso preoccupazioni a riguardo. Il problema è la sostenibilità della crescita del debito per le banche che prestano denaro.

Un’altra causa scatenante potrebbero essere i problemi con il capitale di una banca. Non ci sono state code di clienti ansiosi ma i depositi sono evaporati e con essi la liquidità della banca quando i timori per i crediti deteriorati (non performing loans) detenuti da Banco Popular hanno raggiunto un punto critico.

 

Molte domande restano senza risposta. A seguito della dichiarazione della BCE sul crollo di Banco Popular per un problema di liquidità dopo che l’istituto di credito aveva superato gli stress test concepiti per valutare la capacità di una banca di sopportare condizioni come una corsa agli sportelli, gli investitori sono ora molto più cinici sull’utilità degli stress test della banca centrale.

Il salvataggio di Banco Popular ha dimostrato che il programma predisposto per decidere le sorti delle banche in crisi in qualche modo funziona. E sarà sicuramente testato di nuovo a breve: il numero di NPL in Europa sta diminuendo ma è ancora troppo elevato e superiore rispetto a USA e Regno Unito. A Cipro e in Grecia circa la metà dei prestiti totali sono deteriorati.

 

I test della procedura di risoluzione potrebbero venire da vari Paesi d’Europa. I sistemi bancari di Grecia e Italia hanno ancora bisogno di riforme ad ampio spettro e pongono a rischio l’economia più in generale. I problemi che hanno causato 5 anni fa la crisi dei debiti sovrani, il legame tra la solvibilità di un Paese e le sue banche, non sono mai stati risolti del tutto. Il populismo non è scomparso in Europa e l’antipatia dei partiti nei confronti dell’euro e delle banche è una minaccia reale.

 

Forse la minaccia più grande alle future corse agli sportelli viene dalle banche centrali. Tutti i cambiamenti avvenuti nel settore bancario nel corso degli ultimi 10 anni si sono verificati in un contesto di liquidità quasi illimitata. Tra gli effetti c’è quello di aver essenzialmente nascosto il rischio nel settore.

 

Il problema verrà a galla quando sarà rimosso lo scudo della liquidità. Se alcune banche sono un prodotto di questa liquidità in circolo, è ragionevole aspettarsi di vedere accadere qualcosa di spiacevole quando la liquidità sarà rimossa.

La titolarità dell'analisi che qui riportiamo è dell'autore della stessa, e l'editore - che ospita questo commento - non si assume nessuna responsabilità per il suo contenuto e per le finalità per cui il lettore lo utilizzerà.
Tutti gli articoli su: aberdeen
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldieLavoro

DIS COLL: l'indennità di disoccupazione per i co.co.co.

DIS COLL: l'indennità di disoccupazione per i co.co.co.

La DIS COLL è l'indenità di disoccupazione per i lavoratori parasubordinati. E' stata introdotta nel 2015 e più volte prorogata fino a diventare strutturale nel 2017 Continua »

da

ABCRisparmio

Carta Postepay: cos'è e come funziona

Carta Postepay: cos'è e come funziona

La prepagata di Poste Italiane permette di fare tante cose, anche su internet. E in ottima sicurezza. Cos'è e come funziona la carta Postepay. Continua »