NAVIGA IL SITO
Home » Analisi di Scenario » Mercati, venti di volatilità

Mercati, venti di volatilità

Tensioni geopolitiche, il calendario politico negli USA e le prossime mosse delle banche centrali: sono questi i temi che possono far aumentare l'incertezza sui mercati

di Redazione Soldionline 12 set 2017 ore 10:14

La volatilità potrebbe tornare a caratterizzare i mercati azionari nei prossimi mesi? E' la domanda che si fanno gli analisti di Anima. Tensioni geopolitiche, il calendario politico negli USA e le prossime mosse delle banche centrali: sono questi i temi che, secondo gli esperti, possono far aumentare l'incertezza sui mercati. Sulla base di questo scenario, nell'analisi seguente gli esperti di Anima forniscono un'indicazione sul possibile andamento dei mercati azionari in Europa, in Italia e negli Stati Uniti.

 

Tensioni geopolitiche, il calendario politico negli Usa e le prossime mosse delle banche centrali. Sono questi i temi che gli investitori stanno monitorando in questo momento e che possono far aumentare la volatilità. Il contesto, comunque, resta caratterizzato da una crescita solida e da dati macro positivi, favorendo ancora l’investimento in asset rischiosi.

Europa: utili solidi e volatilità contenuta

europa-bandiera_1La view sul mercato azionario europeo resta costruttiva. Nelle ultime settimane l’asset class ha mostrato un trend laterale, caratterizzato da una volatilità inferiore rispetto a quanto registrato nella prima metà dell’anno. Lo scenario, infatti, è complessivamente costruttivo. A livello macro, la crescita globale è solida e sincronizzata; forse sarà un po’ più moderata nel 2018, ma niente di problematico. Anche a livello micro, la crescita degli utili continua ad essere di supporto. Le banche centrali, dal canto loro, faranno ulteriori passi lungo il sentiero di normalizzazione, ma molto lentamente. Secondo le stime, la liquidità immessa a livello globale dalle banche centrali inizierà a scendere solo nel settembre 2018. I mercati dell’area Euro sono stati gli unici veramente penalizzati, a causa della discesa dei rendimenti obbligazionari (negativa per i finanziari) e del rafforzamento dell’euro (negativo per esportatori e relativo indotto). Questi fattori dovrebbero placarsi ed i mercati dell’Eurozona avranno margine per recuperare. Uno degli elementi di maggior delusione è stata l’inattività dell’amministrazione Trump e il mercato non sta prezzando la possibilità che si arrivi a una riforma della tassazione. Questo potrebbe essere un catalizzatore positivo per il mercato da qui alla fine dell’anno. Tutti i temi micro le cui scelte sono condizionate dale scelte di Trump, dalla spesa per le infrastrutture alla riforma fiscale passando per la riduzione della regolamentazione, sono ai livelli pre-elezione. C’è spazio, quindi, per un recupero. Ovviamente, a livello di valutazioni, l’Europa (che il 24 settembre vedrà le elezioni tedesche) e il Giappone rimangono più interessanti.

 

italia-bandiera: segnali di miglioramento

I mercati azionari dell’Eurozona, e dell’Italia, restano supportati dal miglioramento della situazione economica: il FMI stima una crescita del PIL 1,90% per l’Eurozona (era l’1,3% a inizio anno) e 1,3% per l’Italia (era lo 0,8% a inizio anno). Il giudizio è positivo nonostante nelle ultime settimane il progressivo apprezzamento dell’euro nei confronti delle principali valute abbia determinato un peggioramento nella dinamica degli utili attesi (chiaramente concentrato su settori/titoli più esposti alla domanda internazionale). Per il mercato italiano da segnalare, relativamente al settore bancario, l’intervento dello Stato che ha consentito di risolvere le situazioni di maggiore criticità garantendo la stabilità del sistema e la significativa riduzione del rischio sistemico. Restano, però, le incertezze sul fronte politico. Un incremento di volatilità potrebbe caratterizzare il periodo che precederà le prossime elezioni

 

Usa: utili meglio di Trump

usa_13Il giudizio di ANIMA sull’azionario americano si conferma costruttivo. Le buone notizie arrivano dagli utili societari: in particolare, gli utili delle società dello S&P500 sono aumentati del 13% su base tendenziale, rappresentando la crescita più elevata dal 2011. Da inizio anno, il settore tecnologico continua a essere il migliore, seguito dal settore dei consumi ciclici.

 

La titolarità dell'analisi che qui riportiamo è dell'autore della stessa, e l'editore - che ospita questo commento - non si assume nessuna responsabilità per il suo contenuto e per le finalità per cui il lettore lo utilizzerà.
Tutti gli articoli su: mercato azionario
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldieLavoro

REI (Reddito di inclusione sociale): cos’è e a chi spetta

REI (Reddito di inclusione sociale): cos’è e a chi spetta

Il REI è il nuovo sussidio contro la povertà. Verrà erogato dal gennaio 2018 sulla nuova Carta Rei. Vediamo a chi spetta, requisiti e importo del reddito di inclusione sociale Continua »

da

ABCRisparmio

Carta Postepay: cos'è e come funziona

Carta Postepay: cos'è e come funziona

La prepagata di Poste Italiane permette di fare tante cose, anche su internet. E in ottima sicurezza. Cos'è e come funziona la carta Postepay. Continua »