NAVIGA IL SITO
Home » Analisi di Scenario » Che succede allo yen?

Che succede allo yen?

Gli alti e bassi del petrolio ieri hanno dominato l'apertura della settimana, ma c’è pure un secondo dato forte che emerge dalla lettura dei prezzi di ieri, lunedì 10 luglio: ed è la debolezza dello yen contro dollaro USA

di Valter Buffo 11 lug 2017 ore 09:13

Commento giornaliero di www.recce-d.com

 

Gli alti e bassi del petrolio ieri hanno dominato l'apertura della settimana, ma c’è pure un secondo dato forte che emerge dalla lettura dei prezzi di ieri, lunedì 10 luglio: ed è la debolezza dello yen contro dollaro USA. Il dollaro USA proprio ieri ha toccato il livello più elevato contro yen da ben due mesi a questa parte, e questo fatto a richiamato l’attenzione di tutto il mercato globale. Perché questo fatto colpisce l’attenzione? Perché in questa fase il dollaro è DEBOLE, tanto in termini di euro, quanto in termini di Dollar Index. Perché è forte solo contro yen? Perché lo yen è così debole? Una prima ragione sembra essere il differenziale tra i rendimenti delle obbligazioni, sulle scadenze lunghe come i dieci anno:

Still, as far as the yen is concerned, bond yields have diverged in recent weeks, helping “carry trades” that borrow cheaply in one currency to buy in another with higher interest rates. The spread between 10-year U.S. Treasury yields  and its Japanese counterpart was its widest in two months.

Poi sembra esserci l’atteggiamento della Bank of Japan:

On Monday, Bank of Japan Governor Haruhiko Kuroda reiterated the central bank’s resolve to maintain its massive stimulus program until inflation is stably above its 2% target. (…) However, the theory goes, the party only lasts so long as the BOJ keeps the 10-year benchmark yield around zero percent. And that is exactly what the central bank tried to do on Friday. For the third time since last September, the officials offered to buy an unlimited amount of bonds pushing down the 10-year yield from a five-month high of 0.105 percent. This was all in line with Governor Haruhiko Kuroda's policy to control yields, which currency traders interpret as a promise to keep to a range of minus 0.1 percent to 0.1 percent.

E’ una mossa che accontenta tutti? Sembra proprio di no:

But artificially pushing down Japan's interest rates while the rest of the world is going the other way is not necessarily good news for stocks. For starters, about 30 percent of companies on the Topix index are owned by foreign institutional investors. A weaker yen eats into foreigners' capital gains, while volatility makes hedging a necessary chore. And not to mention Japan's financial sector, which still occupies 13 percent of the Topix. Every time the BOJ pushes down the 10-year yield, bank stocks tumble.

 

CONCLUSIONE   Recce’d oggi analizza gli alti e i bassi dello yen giapponese

 

volatilita-yen

Fonte: BBG

 

lost-appetite

Fonte: BBG

 

Nel daily dedicato ai Clienti, The Morning Brief, di oggi 11 luglio 2017, abbiamo trattato i seguenti temi:

  1.     La volatilità dei mercati continuerà ad aumentare questa settimana: il primo semestre 2017 è proprio, definitivamente, finito, e lo abbiamo visto anche ieri, lunedì 10 luglio
  2.     Tutta l’attenzione da oggi si concentrerà sulla Audizione di Yellen di domani
  3.     Ma è importante anche l’avvio della stagione delle trimestrali USA: da venerdì arriveranno le banche USA
  4.     SEZIONE L'OPERATIVITA'    questa settimana sul piano operativo ci occupiamo di banche, in vista dei primi risultati trimestrali delle banche USA in arrivo questa settimana
  5.     SEZIONE L'ANALISI    questa settimana il tema del nostro approfondimento è il complicato rapporto tra volatilità e “posizionamento” di alcune categorie di operatori sui mercati finanziari.

 

recced-logo_1

La titolarità dell'analisi che qui riportiamo è dell'autore della stessa, e l'editore - che ospita questo commento - non si assume nessuna responsabilità per il suo contenuto e per le finalità per cui il lettore lo utilizzerà.
Tutti gli articoli su: recced , yen
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldieLavoro

REI (Reddito di inclusione sociale): cos’è e a chi spetta

REI (Reddito di inclusione sociale): cos’è e a chi spetta

Il REI è il nuovo sussidio contro la povertà. Verrà erogato dal gennaio 2018 sulla nuova Carta Rei. Vediamo a chi spetta, requisiti e importo del reddito di inclusione sociale Continua »

da

ABCRisparmio

Carta Postepay: cos'è e come funziona

Carta Postepay: cos'è e come funziona

La prepagata di Poste Italiane permette di fare tante cose, anche su internet. E in ottima sicurezza. Cos'è e come funziona la carta Postepay. Continua »