NAVIGA IL SITO
Home » Analisi di Scenario » Cauto ottimismo sull'azionario europeo

Cauto ottimismo sull'azionario europeo

Andrea Delitala e Marco Piersimoni (Pictet Asset Management) mettono in evidenza le prime difficoltà di Donald Trump e attendono l'esito delle elezioni presidenziali francesi

di Edoardo Fagnani 13 apr 2017 ore 10:36

Andrea Delitala, Head of Euro Multi Asset e Marco Piersimoni, Senior Portfolio Manager di Pictet Asset Management, hanno comunicato l'aggiornamento mensile sulla strategia di investimento.
I due esperti mettono in evidenza le prime difficoltà di Donald Trump a mettere in atto il proprio programma e attendono l'esito delle elezioni presidenziali francesi.
Sulla base di queste indicazioni Delitala e Piersimoni mantengono un atteggiamento cauto sui titoli di stato francesi e sui Btp, mentre consigliano di incrementare l'esposizione sull'azionariato europeo.

 

MACRO
europa_11L'azionario US resta stabile, nonostante i primi segnali di difficoltà d’implementazione dell'agenda Trump. L'S&P 500 ha sì interrotto la lunga striscia positiva di sessioni di borsa, ma ha prontamente recuperato il terreno perduto. Il rialzo dei tassi della FED è stato assorbito con compostezza dai risky assets, con gli emergenti sugli scudi: le condizioni finanziarie restano accomodanti grazie alle quotazioni degli indici azionari e debolezza (relativa) del dollaro. In Europa, continua a recedere il rischio politico francese. Il primo turno fornirà importanti indicazioni: un risultato di Le Pen superiore al 30% potrebbe spaventare i mercati dei paesi periferici, con i BTP vulnerabili in tale scenario. Le elezioni francesi sono ovviamente il punto focale per gli investitori: in Europa, la posizione scarica degli investitori e il quadro economico in miglioramento ci portano ad un posizionamento tattico sulle azioni europee. Le valutazioni non sono a sconto rispetto alla media storica (P/E su utili a 12 mesi circa 14 volte per Eurostoxx50), tuttavia il premio per il rischio politico andrebbe a comprimersi su un esito positivo (Macron o Fillon) delle elezioni presidenziali francesi. Sul reddito fisso, stiamo ulteriormente riducendo la duration tramite vendita sui titoli di stato francesi.


STRATEGIA
Manteniamo il posizionamento cauto sul reddito fisso, soprattutto in Europa: se le elezioni francesi dovessero procedere come da attese, il dibattito sulla conclusione del Quantitative Easing diventerebbe il tema di maggiore interesse. Siamo cauti anche sulla periferia (BTP  e titolo di stato francese) perché riteniamo vi sia più da perdere, in caso di vittoria di Le Pen, che da guadagnare. Sulla parte azionaria, vediamo maggiori opportunità in Europa e pertanto raccomandiamo un incremento della posizione su questa parte del mercato: la scelta è consigliata sia sul portafoglio bilanciato e sia su quello azionario.

 

La titolarità dell'analisi che qui riportiamo è dell'autore della stessa, e l'editore - che ospita questo commento - non si assume nessuna responsabilità per il suo contenuto e per le finalità per cui il lettore lo utilizzerà.

 

Tutti gli articoli su: europa , francia
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldieLavoro

REI (Reddito di inclusione sociale): cos’è e a chi spetta

REI (Reddito di inclusione sociale): cos’è e a chi spetta

Il REI è il nuovo sussidio contro la povertà. Verrà erogato dal gennaio 2018 sulla nuova Carta Rei. Vediamo a chi spetta, requisiti e importo del reddito di inclusione sociale Continua »

da

ABCRisparmio

Carta Postepay: cos'è e come funziona

Carta Postepay: cos'è e come funziona

La prepagata di Poste Italiane permette di fare tante cose, anche su internet. E in ottima sicurezza. Cos'è e come funziona la carta Postepay. Continua »