NAVIGA IL SITO
Home » Analisi di Scenario » Autostrade Meridionali: storia infinita con lieto fine

Autostrade Meridionali: storia infinita con lieto fine

Autostrade Meridionali rappresenta il simbolo della vergognosa burocrazia italiana. La società gestisce l'autostrada Napoli Salerno la cui concessione è scaduta da oltre quattro anni.

di LombardReport .com 15 feb 2017 ore 09:50

A cura di Guido Bellosta

Autostrade Meridionali rappresenta il simbolo della vergognosa burocrazia italiana. La società gestisce l'autostrada Napoli-Salerno la cui concessione è scaduta da oltre quattro anni. L'asta per il rinnovo vede l'attuale proprietario delle Autostrade Meridionali (con il 58,98% del capitale), il gruppo Autostrade per l'Italia (Benetton) in lotta con la cordata SIS partecipata con il 51% dalla Fininc e con il 49% dal colosso spagnolo Sacyr. La gara viene continuamente sospesa tra vari ricorsi. Burocrazia, politica e TAR ne condizionano l'esito. In novembre i due reclami fatti dai due concorrenti sono stati nuovamente rimandati a tempi migliori.
Nel frattempo la società, quotata da moltissimi anni in borsa dopo aver superato le traversie relative alla sua vecchia controllante Pantanella (anni '80) del gruppo Genghini per poi passare alle Autostrade di Benetton, continua a macinare utili.

autostrade-meridionali-logoMa pochi si accorgono della enorme differenza nei numeri tra la controllante Atlantia (che ovviamente ha una attività molto più variegata e spazia anche sugli aeroporti) e controllata. Pur essendo uguali i principi di redazione del bilancio visto che sono fatti dagli stessi controllori, Atlantia denuncia infatti un rapporto capitalizzazione/mezzi propri pari a 2,66. Le Autostrade Meridionali di 0,69 (lo si legge ogni giorno sulle tabelline del Sole24Ore anche se non sembra interessare a nessuno). Atlantia ha un p/e di 21 mentre le Autostrade Meridionali mostrano un parametro di 8,90: una differenza abissale.

E, ripetiamo, le Autostrade Meridionali (AUTME) continuano a guadagnare. Nei prime 9 mesi del 2016  l'utile è cresciuto a 12,2 milioni con un aumento del 31%. Se dovesse proseguire questa ascesa il rapporto prezzo utile potrebbe aggirarsi sotto quota 7. La società infatti capitalizza 82 milioni pur mostrando, sul bilancio approvato, un patrimonio di 130,66 milioni. Il dividendo potrebbe finalmente crescere. L'anno scorso è stato "tamponato" a 0,4  euro ma i soci si augurano in un aumento consistente visto che ne esiste la capienza.

Nel corso dell'anno 2016, in dicembre, la Provincia di Napoli ha liquidato, per probabili questioni di necessità di cassa, il suo storico pacchetto del 5%. La vendita è avvenuta sul mercato ed ha permesso l'entrata di nuovi soci. Voci di mercato, non controllate, parlano di un pacchetto superiore al 4% rilevato da un serio fondo maltese ma mancano dichiarazioni ufficiali nonostante che la successiva ascesa dell'azione, lentissima e graduale, mostri la presenza di una "manina" che rastrella piano piano tutto quanto venduto. L'azione, superando quota 19 euro, ha segnato un nuovo record quinquennale, ma è ancora lontana dal solo valore patrimoniale del titolo segnato ogni giorno dal Sole (0,7% il parametro C/MP).

La cosa più intrigante è però l'esito della gara di rinnovo della concessione. Prima o poi, dopo l'incredibile attesa di oltre quattro anni, questa avverrà. Se vincesse Atlantia il rinnovo farebbe la gioia di Benetton che potrebbe sviluppare per decenni la società come già fatto in passato. E la quotazione ne trarrebbe benefici. Meglio ancora, per i piccoli soci, se vincesse il consorzio SIS in quanto la legge obbliga il subentrante a pagare per il subentro gli investimenti fatti e non ancora ammortizzati  ai vecchi soci.

La cifra è scritta anno dopo anno nel bilancio delle Meridionali e supera attualmente 400 milioni. Pur tenendo conto delle poste finanziarie negative siamo davanti ad una cifra di subentro molto interessante. Forse per questa ragione il fondo maltese (o chi per lui) è entrato massicciamente sul titolo. Basta avere la pazienza di Giobbe ed attendere le prossime mosse della burocrazia (italiana ed europea) per il rinnovo della concessione. Nel frattempo però si incassa un buon dividendo e si possiede una azione dal valore patrimoniale decisamente superiore. Chi ha rastrellato  il 4% sembra avere fatto molto bene i suoi calcoli...

 

Per altre raccomandazioni di borsa: LombardReport.com

lombardreport

La titolarità dell'analisi che qui riportiamo è dell'autore della stessa, e l'editore - che ospita questo commento - non si assume nessuna responsabilità per il suo contenuto e per le finalità per cui il lettore lo utilizzerà
Tutti gli articoli su: autostrade meridionali , atlantia Quotazioni: AUTOSTRADE MERID
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldieLavoro

DIS COLL: l'indennità di disoccupazione per i co.co.co.

DIS COLL: l'indennità di disoccupazione per i co.co.co.

La DIS COLL è l'indenità di disoccupazione per i lavoratori parasubordinati. E' stata introdotta nel 2015 e più volte prorogata fino a diventare strutturale nel 2017 Continua »