NAVIGA IL SITO
Home » Analisi di Scenario » 2018: i temi di investimento per le varie aree

2018: i temi di investimento per le varie aree

I temi di investimento che caratterizzeranno l'andamento del 2018, in differenti asset class ed aree geografiche. Dai mercati obbligazionari emergenti all'azionario europeo

di Redazione Soldionline 10 gen 2018 ore 11:32

I temi di investimento più importanti che secondo gli esperti di GAM caratterizzeranno l'andamento del 2018, in differenti asset class ed aree geografiche. Dai mercati obbligazionari emergenti all'azionario europeo, passando per l'azionario giapponese e quelli orientali.

Di seguito le opinioni dei gestori di GAM sui temi del 2018 sui mercati:

 

Una politica monetaria “normale”

Enzo Puntillo, responsabile obbligazionario per i mercati emergenti

Da un punto di vista relativo, riteniamo più probabile che sia la BCE a sorprendere i mercati piuttosto che la Fed. Considerato che la ciclica espansione economica europea è meno matura di quella statunitense, lo spread tra i bond decennali tedeschi e statunitensi dovrebbe ridursi, portando i Bund tedeschi a sottoperfomare rispetto ai Treasury USA. Questo è un tema chiave per i nostri portafogli per il 2018.

 

La solidità delle banche

Anthony Smouha and Grégoire Mivelaz, co-fund managers credit strategies (Atlanticomnium SA)

analisi-graficiUno dei temi principali per il nostro team nel 2018 è il debito finanziario subordinato europeo: la pressione degli organi di controllo sta spingendo le banche e le compagnie assicurative ad aumentare le riserve di capitale, rendendo questi strumenti più solidi e sicuri. È importante tuttavia essere molto selettivi e gestire il portafoglio in maniera attiva, come se anche le società più grandi e solide potessero fallire in un settore forte, come abbiamo visto accadere l’anno scorso con il Banco Popular.

 

Automazione e robotica

Ernst Glanzmann, portfolio manager per l’azionario giapponese

Uno dei temi principali del 2018 per il Giappone sarà un ulteriore miglioramento del processo causato da un mercato del lavoro sempre più stretto. Le società vorranno contenere il più possibile la pressione dei costi. Un modo per fare ciò è un’ulteriore standardizzazione dei processi tramite l’applicazione di soluzioni basate sull’IT – automazione, robotica, intelligenza artificiale, IoT etc, - oltre a permettere alle persone di lavorare meno quotidianamente e settimanalmente, un risultato valutato molto positivamente.

 

I consumatori cinesi

Jian Shi Cortesi, portfolio manager per l’azionario asiatico e cinese

Il nostro tema principale per il 2018 rimangono i consumatori cinesi. Un trend importante per l’attuale decennio e per il prossimo è l’evoluzione della Cina verso un’economia dei consumi. Per i nostri fondi con stile growth che investono in Cina e in Asia continuiamo a concentrarci su società che beneficiano in maniera superiore alla media dell’evoluzione economica di Pechino. Queste società – che operano principalmente nei settori di consumo, tecnologia, sanità e servizi finanziari – continuano a crescere rapidamente. In questi settori in ascesa è possibile, tramite un’attenta procedura di stock picking, trovare titoli valutati in maniera interessante.

 

La crescita dei Millenials

Scilla Huang Sun, gestore del fondo GAM Multistock - Luxury Brands Equity di GAM

Il tema a cui presteremo più attenzione nel 2018 è: cosa vogliono davvero i Millennials (la generazione Y – i nati tra i primi anni ’80 e la metà dei ’90)? I Millennials stanno sempre più diventando il gruppo di riferimento principale per molte società del lusso. Insieme a questo trend guardiamo a quanto le società del lusso stanno facendo in termini di digitalizzazione – un fattore che avrà sicuramente un impatto molto significativo sull’intero settore. Quali brand si stanno adattando a questa nuova realtà nella maniera più efficiente? Quali sono in grado di sfruttarla e quali potrebbero invece scomparire del tutto? In generale, molte società del lusso hanno la fortuna di avere grandi disponibilità liquide – sarà interessante osservare cosa intendono farne per stare al passo con i tempi in un mondo che cambia rapidamente.

 

La solidità della crescita

Thomas Funk, portfolio manager per l’azionario svizzero

Per il 2018 continuiamo a essere concentrati sulla crescita, intesa non tanto come dati trimestrali e breve periodo, ma piuttosto come sviluppo su un orizzonte temporale di medio-lungo periodo. Molte compagnie che abbiamo in portafoglio stanno investendo ora per un successo futuro. Una delle caratteristiche chiave delle società gestite al meglio è la capacita di essere pazienti e seguire un piano di lunga durata raggiungendo allo stesso tempo gli obiettivi di breve periodo. E sono esattamente queste le compagnie che cerchiamo e in cui vogliamo investire.

 

La ripresa dell’Eurozona

Niall Gallagher, Portfolio Manager per l’azionario europeo

I temi che delineano il nostro processo di selezione titoli sono due. Da un lato, siamo esposti ai trend di crescita secolare di lungo periodo: crescita dei consumi nei mercati Emergenti, il passaggio dal mondo fisico a quello online, l’innovazione che sta rivoluzionando interi settori grazie alle nuove tecnologie. Dall’altro, tuttavia, il nostro focus sul medio termine – quello con più potenziale di generare utili nel 2018 – è la posizione positiva e più ottimista rispetto all’opinione generale sulla domanda domestica europea. Siamo posizionati in modo da beneficiare dalla ripresa della domanda dell’Eurozona attraverso titoli selezionati nei settori dell’edilizia e delle costruzioni, della spesa dei consumatori e degli investimenti aziendali. Crediamo che il profilo rischio/rendimento sia fortemente sbilanciato in maniera favorevole, e una potenziale ripresa pluriennale.

La titolarità dell'analisi che qui riportiamo è dell'autore della stessa, e l'editore - che ospita questo commento - non si assume nessuna responsabilità per il suo contenuto e per le finalità per cui il lettore lo utilizzerà.
Tutti gli articoli su: previsioni 2018 , gam
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldieLavoro

Salario minimo legale: la proposta di Matteo Renzi

Salario minimo legale: la proposta di Matteo Renzi

Circa 10 euro come paga oraria minima per tutti i lavoratori dipendenti non coperti dai CCNL. Il salario minimo legale è uno dei punti più importanti del progremma del PD Continua »

da

ABCRisparmio

APE social 2018: come funziona, domanda e requisiti

APE social 2018: come funziona, domanda e requisiti

Ape social è un'indennità di accompagnamento alla pensione di vecchiaia. Vediamo a chi spetta, quali sono i requisiti e come fare la domanda Continua »