Il Toro è sereno: è stato accettato dagli investitori

Finalmente, dopo una crescita del 20% in un anno, senza considerare i dividendi, né tutto il rialzo occorso in precedenza; il Toro può tirare un sospiro di sollievo: è stato accettato dagli investitori

Data News 29/12/2017

di Gaetano Evangelista

Finalmente, dopo una crescita del 20% in un anno, senza considerare i dividendi, né tutto il rialzo occorso in precedenza; il Toro può tirare un sospiro di sollievo: è stato accettato dagli investitori.
Sembra strano ma, stando al sondaggio condotto fra gli investitori americani da AAII (American Association of Individual Investors), soltanto ora i Tori costituiscono poco più del 35% del totale, in termini di media a 52 settimane. Un anno fa, di questi tempi, erano meno del 28%.

 

Abbiamo detto che il mercato Toro è entrato nella fase dell’accettazione; mica che ci sia un’euforia dilagante! In effetti l’occhio attento avrà notato come la corrente lettura del sentiment bullish, sempre in termini medi, si collochi pressappoco sui medesimi livelli del 2003 e del 2009: quando il mercato realizzava un minimo. Altro che massimo…
Ad ogni buon conto, ci accontentiamo. Certo siamo ancora ben lontani dal territorio dell’euforia: prima del massimo del 2007 i Tori raggiunsero il 55% del totale, e nel 2015 i Bulls salirono fino al 40% del campione.
Casomai, viene da chiedersi a discapito di quale universo, sia stato registrato questo (peraltro, fisiologico) incremento dei rialzisti.

 

 

Si sono sacrificati gli incerti, gli ignavi del listino; quelli che «a questi livelli io non compro». In crescita tendenziale dalla fine del 2008 a maggio 2016, la frazione di investitori che non dichiara aspettative sul mercato né bullish né bearish è in caduta libera, passando – in termini questa volta assoluti – dal 53% al 27% del totale.
Si potrebbe argomentare che il bull market si esaurirà soltanto quando saranno gli Orsi a capitolare. A proposito, di che percentuale di ribassisti stiamo parlando?

 

 

C’è poco da fare; altro che capitolazione: in termini di media a 52 settimane i ribassisti negli ultimi tre anni sono addirittura cresciuti, passando dal 25% di maggio 2015 al recente 31%. Verosimilmente, professarsi Orso diventerà impopolare (e, soprattutto, psicologicamente insostenibile) molto tempo prima che sarà registrato il definitivo massimo di mercato.
Naturalmente questo tipo di riflessioni denunciano da parte di chi scrive un eccesso di sicurezza che tipicamente si manifesta sui temporanei massimi di mercato. Nulla di più facile a questo punto che Wall Street conceda qualche settimana di correzione. Ma scambiare qualcosa che manca da tantissimo tempo per l’inizio del bear market, davvero ce ne corre.

 

Per provare gratuitamente le strategie di Gaetano Evangelista: http://www.ageitalia.net/form_provagratuita.asp

La titolarità dell'analisi che qui riportiamo è dell'autore della stessa, e l'editore - che ospita questo commento - non si assume nessuna responsabilità per il suo contenuto e per le finalità per cui il lettore lo utilizzerà

Articoli correlati
Outbrain
Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
Leggi articolo sul sito

© Copyright 2018 Arnoldo Mondadori Editore Spa - riproduzione riservata - P.IVA 08386600152
Tutti i servizi sono erogati, agli stessi termini e condizioni, da Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. quale società incorporante di Banzai Media S.r.l.