Le tasse di Trump: l’opinione del mercato

L’Amministrazione Trump, e lo stesso Presidente, hanno da subito attribuito ai mercati finanziari un ruolo di indicatore di fiducia di tipo politico

Data News 02/10/2017

di Valter Buffo

Commento giornaliero di www.recce-d.com

 

L’Amministrazione Trump, e lo stesso Presidente, hanno da subito attribuito ai mercati finanziari un ruolo di indicatore di fiducia di tipo politico: “la Borsa misurerà il nostro successo” affermò più o meno Trump poco dopo l’Elezione. Affermazione ci pare, piuttosto imprudente, visto che di certo non è e non sarà Trump il fattore decisivo per la performance dell’indice di New York.

Lo è stato, ma solo in parte, in questi primi tre trimestri 2017, ma solo per la insistenza, anche attraverso i media, della medesima Amministrazione, che ha sempre calcato i toni, e che in particolare ha utilizzato sempre il tema del “taglio alle tasse” come uno strumento per indirizzare, in modo esplicito, la Borsa americana. Ora che i tagli son stati dettagliati (mercoledì scorso) e che quindi non ci sarà più un “effetto annuncio” ma soltanto un effetto “traduzione in pratica”, come reagiranno i mercati? Verrà a mancare un sostegno, un supporto all’emotività, e all’euforia?

Va precisato subito che fino ad oggi Trump non ha sempre funzionato, da questo punto di vista: nel primo grafico qui sotto vedete che i titoli quotati di Società “ad alta tassazione” hanno beneficiato degli annunci di Trump, ma solo per poche settimane: dopo di che, hanno fatto PEGGIO dell’indice del mercato. Lo stesso si potrebbe dire dei titoli delle banche, partiti a razzo nel tardo 2016 e poi sempre peggiori della media del mercato.

Trump non ha funzionato come previsto neppure nei confronti del cambio del dollaro USA, nettamente più debole oggi di un anno fa nonostante la reiterata promessa: “Make America Great Again”. E soprattutto, nonostante i crescenti rischi di conflitto armato internazionale. Nel secondo grafico, vedete l’andamento della popolarità di Trump (in verde, e spostato in avanti di un mese) e l’andamento del cambio del dollaro (Dollar Index). Il recupero di settembre, come il precedente calo di agosto, sembrerebbero anticipati dalle oscillazioni nella popolarità del Presidente.

 

CONCLUSIONE   Recce’d  oggi esamina i dati che descrivono l’impatto delle mosse di Trump su alcuni dei maggiori indici dei mercati finanziari

 

Fonte: St Louis Federal Reserve

 

Fonte: Bloomberg

 

Nel daily dedicato ai Clienti, The Morning Brief, di oggi 2 ottobre 2017, abbiamo trattato i seguenti temi:

  1.    La Borsa USA ha chiuso il terzo trimestre con il terzo rialzo del 2017: si confermerà anche nel quarto?
  2.     Il dato di venerdì prossimo per l’occupazione USA ci dirà qualche cosa di più preciso sulla crescita economica, negli USA e nel Mondo
  3.     I fatti di catalonia per i mercati finanziari saranno più importanti di Brexit
  4.     SEZIONE L'OPERATIVITA'    questa settimana sul piano operativo ci occupiamo di Trump e del suo Trump Trade: è orar di tornare a occuparsene dopo gli annunci sulle tasse?
  5.     SEZIONE L'ANALISI    questa settimana il tema del nostro approfondimento è il livello dei rendimenti obbligazionari, a fronte delle attese per l’inflazione, la crescita, e … Trump

 

 

La titolarità dell'analisi che qui riportiamo è dell'autore della stessa, e l'editore - che ospita questo commento - non si assume nessuna responsabilità per il suo contenuto e per le finalità per cui il lettore lo utilizzerà.

Articoli correlati
Outbrain
Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
Leggi articolo sul sito

© Copyright 2017 Arnoldo Mondadori Editore Spa - riproduzione riservata - P.IVA 08386600152
Tutti i servizi sono erogati, agli stessi termini e condizioni, da Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. quale società incorporante di Banzai Media S.r.l.